Opera Viva, l'Artista Di Quartiere, The District Artist nasce dall’idea dell’artista visivo Alessandro Bulgini e si sviluppa attorno a un’idea precisa della relazione tra arte e spazio pubblico, e della funzione di un’opera all’interno di un contesto e di una comunità urbana nella convinzione che l’arte debba uscire dagli spazi istituzionali, scendere per strada, inoltrarsi nella realtà, muoversi costantemente in essa e integrarsi nella dimensione dell’esistenza quotidiana. Un’arte dunque pubblica
che possa essere in grado di contribuire positivamente alla qualità sociale, favorendo l’inclusione, sviluppando coesione, facilitando la partecipazione attiva della comunità. L'Artista di Quartiere è una figura dedicata a tempo pieno al proprio quartiere tanto quanto il poliziotto o l’operatore ecologico; una funzione quotidiana, una presenza visibile sul territorio; un art mentor (guida, sostegno, facilitatore di cambiamento) che si innesta nel tessuto urbano e che, tramite l'arte visiva, accompagna
i quartieri in emergenza nel loro cambiamento socio-culturale. L'Artista di Quartiere dunque non lavora one-spot ma vive e presidia tutto l’anno il proprio territorio agendo riutilizzando il “preesistente”. Esplora e utilizza le risorse del territorio in modo sostenibile creando collaborazioni basate sul reciproco beneficio in una relazione basata sull’idea del dono. Le modalità non sono predefinite ma "vivono" e si realizzano giornalmente sulla base del rapporto con il territorio e le persone che lo abitano. L’uso di elementi del luogo e l’acquisizione di codici formali facilmente comprensibili per la comunità sono un incredibile veicolo di relazione, un collante straordinario tra persone, a testimonianza di un passaggio delicato e poetico, come appunto delicato e poetico è il passaggio dell'artista.

 

Intervento promosso e sostenuto dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.

Informativa sulla Privacy

© 2008 Opera Viva, Alessandro Bulgini

Web design La cultura dell'evento

  • Facebook
  • Instagram